Pompa per Bici da Corsa – Come Scegliere

Nel momento in cui acquistate una bicicletta è normale domandarsi quale pompa scegliere, di fatto esistono differenti modelli di pompe per bicicletta e la scelta della pompa corretta varia in base all’uso che si andrà a fare della bicicletta oltre che dalle caratteristiche della bicicletta.

Nel caso, per esempio, di una bicicletta pensata per un uso da città, potrete pensare all’acquisto di una pompa da lasciare in garage o in cantina, mentre per chi volesse una bicicletta da montagna piuttosto che una bicicletta da corsa, quindi adatta a lunghe uscite, avere una pompa portatile è indispensabile.

pompa per bici da corsa

Vediamo quale pompa per bici da corsa scegliere. Iniziamo con il dire che esistono due differenti tipologie di valvole che vengono installate nelle camere d’aria per bicicletta, si tratta delle valvole Presta e delle valvole Schrader. Chiaramente la pompa che andrete ad acquistare dovrà possedere l’attacco idoneo per il tipo di valvola posseduto nella bicicletta. Possono risultare utili in tali casi le pompe che possiedono l’attacco adattabile per entrambe le valvole.

Questo quanto all’attacco alla bicicletta, tuttavia non è questa la sola differenziazione tra le pompe per bicicletta, nel momento in cui andrete a comprare una pompa per bicicletta dovrete infatti scegliere se preferite una pompa a piede o una pompa a mano.

Anche in questo caso, per orientarsi nella scelta, entrano in gioco non solo esigenze tecniche, di pressione che si deve immettere nella bicicletta, che esigenze legate all’uso che si fa della bicicletta.

Se si pensa di portare nelle uscite la pompa, senza ombra di dubbio la scelta ricadrà sulla pompa a mano, queste sono molto meno ingombranti che quelle a piede e pesano anche molto meno. Pensate che ormai si trovano in commercio anche pompe a mano super leggere, che pesano circa 35 grammi.

Chiaramente il limite è nella pressione esercitabile per mezzo di questa pompa, le pompe a mano difficilmente consentono di ottenere grandi pressioni visto che serve imprimere molta forza per riuscire a gonfiare una gomma oltre una certa pressione. Sono dunque pratiche e comode ma hanno questo limite, tanto più vero quanto più ci riferiamo a pompe con dimensioni ridotte, meno è la corsa del pistone, minore è la pressione che si riesce a esercitare.

Di conseguenza, se dovete comprare una pompa per uso di emergenza durante un viaggio è perfetta una pompa a mano piccola e leggera, per la casa è preferibile una pompa a mano grande, con un lungo pistone oppure una pompa a piede.

Quest, nonostante sia più ingombrante e pesante, è quella che permette generare maggiore pressione e con molta meno fatica, che non rispetto ad una pompa a mano.

Ovviamente anche le pompe a piede possono essere trasportate, e, particolarmente se utilizzate una bicicletta da corsa, che possono giungere anche a 8.5 bar di pressione, magari preferirete questa rispetto aduna pompa a mano, anche se vi obbligherà magari a portare con voi uno zainetto.

Dunque, riassumendo tutto quanto detto finora in merito alla nostra decisione su quale pompa della bicicletta comprare, si deve tenere prima di tutto in considerazione la compatibilità della pompa con il modello di bicicletta che possediamo, a seguire si deve tenere a mente la capacità di gonfiaggio di cui necessitiamo e che ci farà optare obbligatoriamente per una pompa a piede oppure ci lascerà la libertà di scegliere tra le due opzioni, infine si dovrà considerare la leggerezza della pompa e la sua compattezza.

Quanto all’indicatore di pressione, questo generalmente è un di più che potremo tranquillamente non ritenere necessario, sempre che non possediamo una bicicletta da corsa che necessiti che le gomme vengano mantenute a una determinata pressione specifica, caso nel quale la presenza o meno del misuratore di pressione incorporato nella pompa diventa un elemento da tenere in considerazione.

Comments on this entry are closed.